Cosa Sono i Flavanoni?

I flavanoni sono uno dei sei sottogruppi di composti fitochimici chiamati flavonoidi.

La categoria dei flavanoni include le molecole esperetina, eriodictiolo e naringenina. I flavanoni sono presenti in diverse specie vegetali e negli agrumi. Gli studi preliminari condotti su cellule, animali ed esseri umani hanno mostrato che i flavanoni racchiudono interessanti potenzialità terapeutiche.

Le piante producono flavanoni come metaboliti secondari. Tali molecole proteggono le piante contro diverse minacce provenienti dall'ambiente esterno, ad esempio gelo, siccità e agenti patogeni. Inoltre, potrebbero contribuire ad attirare insetti benefici per aumentare l'impollinazione. I flavanoni si sviluppano su quasi tutte le parti di una pianta, dai rami agli steli, dalla corteccia alle foglie, fino a radici, fiori, frutti, buccia e rizoma.

Proseguite la lettura per ottenere maggiori informazioni su queste interessanti molecole e sulla loro utilità per gli esseri umani.

Colore

I flavanoni sono corpi chetonici incolori. A differenza dei flavonoidi, non contribuiscono alla pigmentazione della pianta.

Si trovano anche in

I flavanoni sono presenti soprattutto negli agrumi, ma vengono prodotti anche da altre specie vegetali. Si rilevano elevate quantità di flavanoni nei carciofi, nei pompelmi, nelle arance, nel lime, nei limoni e nell'origano essiccato.

Ricerca scientifica

Gli studi preliminari indicano che i flavanoni sono potenzialmente in grado di attenuare i disturbi legati all'invecchiamento. L'inserimento di queste molecole nella dieta potrebbe contribuire al mantenimento di un buon stato di salute in età avanzata.

Per il momento, la scienza suggerisce i seguenti effetti:

• Miglioramento cognitivo
• Antinfiammatori
• Antiossidanti
• Antitumorali
• Cardioprotettivi

Esaminiamo nel dettaglio gli studi eseguiti su ognuna di queste proprietà.

• Miglioramento cognitivo

Secondo le ricerche, tutti i flavonoidi offrono benefici a livello cognitivo negli adulti con difficoltà cognitive e malattie neurodegenerative. Gli autori di un articolo pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition hanno deciso di analizzare in particolare i flavanoni, per capire se queste molecole possono generare tali effetti nei soggetti sani in età avanzata.

Gli esperti hanno condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo per esaminare i vantaggi a livello cognitivo offerti dal succo d'arancia ricco di flavonoidi. Al test hanno partecipato 27 soggetti anziani. Gli scienziati hanno diviso i volontari in due gruppi. Il primo gruppo ha ricevuto un succo d'arancia puro al 100%, con elevate concentrazioni di flavanoni (305mg), mentre all'altro è stata somministrata una bevanda alcolica aromatizzata all'arancia, con basse dosi di flavanoni (37mg). Dopo aver consumato queste bevande per otto settimane, i gruppi sono stati scambiati.

I ricercatori hanno notato un miglioramento delle funzionalità cognitive nei soggetti che avevano consumato succo d'arancia ricco di flavanone per otto settimane. Non sono stati riscontrati effetti a livello di pressione sanguigna o tono dell'umore.

• Antinfiammatori e antiossidanti

L'infiammazione e lo stress ossidativo costituiscono la base di numerose condizioni di salute, inclusi cancro, malattie neurodegenerative e problemi cardiovascolari. Lo stress ossidativo è provocato dai cosiddetti radicali liberi. Questi atomi nocivi circolano nell'organismo alla ricerca di un elettrone aggiuntivo, e così facendo danneggiano cellule, proteine e DNA.

I flavanoni—soprattutto l'esperetina—sembrano racchiudere effetti antiossidanti e potrebbero ridurre il danno. Queste molecole possono catturare i radicali liberi, raccogliendo gli atomi pericolosi e attenuando il processo di infiammazione.

Ad ogni modo, l'esperetina non è solamente in grado di eliminare i radicali liberi: può anche aiutare le cellule a rafforzare le proprie difese antiossidanti.

Gli studi su cavie animali, pubblicati nella rivista Pharmacological Research, hanno inoltre evidenziato che l'esperetina esercita una notevole azione antinfiammatoria in caso di gonfiore delle orecchie nei ratti.

Secondo ulteriori test su cellule, il flavanone genera effetti antinfiammatori agendo su COX-1 e COX-2. Questi enzimi producono prostaglandine, lipidi che contribuiscono allo sviluppo di infiammazione, dolore e febbre.

• Antitumorali

L'esperetina sembra in grado di intervenire sulle cellule tumorali in vari modi. Secondo uno studio pubblicato su Life Sciences, il flavanone può indurre l'apoptosi di diverse proteine cellulari. L'apopstosi, o morte programmata, si verifica in tutte le cellule normali quando esse perdono la loro funzionalità. Le cellule tumorali, invece, riescono ad evitare tale processo e quindi a sopravvivere e proliferare.

Oltre a favorire questo importante meccanismo, il flavanone potrebbe evitare la diffusione del cancro (metastasi), interagendo con la COX-2.

• Cardioprotettivi

Gli integratori alimentari di esperetina potrebbero contribuire al benessere cardiovascolare. Una ricerca pubblicata su BioMed Central indica che il flavanone riuscirebbe a regolare i livelli di colesterolo LDL nel fegato umano.

Le LDL, ovvero lipoproteine a bassa densità, rappresentano il colesterolo “cattivo” che si accumula nelle arterie, ostruendole. Attraverso la sua azione, l'esperetina potrebbe ridurre i livelli di LDL nel sangue, abbassando il rischio di malattie cardiache.

Sicurezza ed effetti collaterali

I flavanoni sono molecole generalmente sicure. Sono presenti in vari alimenti e rappresentano una parte del fabbisogno giornaliero di flavonoidi per varie popolazioni.

Di quale prodotto ho bisogno?
As Seen On: