Come Viene Prodotto l'Olio CBD dalla Canapa

L'olio di CBD si può trovare ovunque, ma ciò non significa che tutti gli estratti siano realizzati con gli stessi standard. Continua a leggere per scoprire cosa succede dietro le quinte di Cibdol e perché i nostri oli CBD sono rinomati per la loro purezza, sicurezza ed efficacia.

Come viene prodotto l'olio CBD Cibdol: una guida passo passo

Prima di essere pronti a spedire l’olio di CBD in tutta Europa, il nostro estratto deve attraversare diverse fasi importanti, ciascuna delle quali contribuisce non solo alla qualità del prodotto finale, ma anche alla nostra notorietà per il CBD di qualità dorata.

Di seguito troverai una suddivisione completa delle otto fasi necessarie per produrre l'olio di CBD Cibdol.

Materia prima vegetale

Tutto l'olio di CBD Cibdol inizia la sua vita come canapa. Fin dalla prima fase della produzione, Cibdol fa tutto il possibile per garantire che la nostra canapa non sia solo coltivata in modo naturale, ma anche del tutto priva di pesticidi, OGM e metalli pesanti. Solo utilizzando materia prima di altissima qualità puoi sperare di creare oli di CBD di altissima qualità.

Dopo il raccolto, centinaia di chilogrammi di canapa arrivano nel nostro magazzino, dove viene preparata per l'estrazione supercritica.

Macinatura e lavorazione

La concentrazione più significativa di CBD si trova nei fiori delle piante di canapa mature. Quindi, prima ancora di poter prendere in considerazione l'estrazione a CO₂, la materia prima vegetale deve essere selezionata e macinata in una polvere fine.

Enormi sacchi di materiale vegetale della canapa vengono immessi, a mano, in una macinatrice, mentre sono rimossi gli steli ed eventuali oggetti estranei provenienti dal raccolto. Una volta eliminate le parti più grandi della pianta, tutto ciò che rimane sono fiori finemente macinati e pronti per l'estrazione.

Estrazione a CO₂ supercritica

L'estrazione è dove finalmente trasformiamo la materia prima vegetale in CBD. All'interno della canapa c'è una miscela diversificata di composti chimici. Separarli l'uno dall'altro richiede macchine sofisticate e precise condizioni.

Sottoponendo la CO₂ ad una condizione supercritica, il composto assume caratteristiche sia di gas, sia di liquido. La soluzione supercritica viene quindi spinta sul materiale vegetale, dove trattiene i composti chimici cruciali e lascia dietro di sé qualsiasi parte vegetale fisica.

Sebbene il risultato dell'estrazione a CO₂ possa assomigliare molto a fango nero, questo fango è pieno di cannabinoidi, terpeni e flavonoidi. Ma ci vogliono ancora alcune fasi affinché il nostro estratto a spettro completo raggiunga lo standard di qualità dorata del quale Cibdol è orgogliosa. Ora che abbiamo i nostri cannabinoidi in mano, è il momento di trasformarli in CBD purificato.

Decarbossilazione chimica

Quando abbiamo detto che la materia della canapa è piena di CBD, non eravamo tecnicamente corretti. La materia prima vegetale contiene effettivamente una versione “inattiva” del CBD, chiamata CBDA. Il CBDA non interagisce con il corpo umano allo stesso modo del CBD, quindi dobbiamo rimuovere il gruppo carbossilico in più (la “A”) per trasformarlo in un cannabinoide “attivo”.

Di solito, questo viene fatto riscaldando i cannabinoidi grezzi in un forno di decarbossilazione. In Cibdol, utilizziamo invece la decarbossilazione chimica per trasformare interamente il nostro CBDA in CBD e per assicurarci di non danneggiare altri composti durante il processo.

Nel corso di questo processo, l'estratto di canapa grezzo passa attraverso diverse camere sigillate, dove alcune reazioni chimiche creano il calore necessario per attivare il CBDA. Eseguire la decarbossilazione in questo modo garantisce che tutti i composti più piccoli (terpeni e flavonoidi) rimangano intatti e che il prodotto finale abbia un effetto molto maggiore sul benessere grazie all'effetto entourage.

Distillazione

Ora mancano solo pochi passaggi. È il momento di iniziare ad aggiungere gli ultimi ritocchi al nostro estratto di CBD a spettro completo. La decarbossilazione chimica può salvare i flavonoidi e i terpeni più piccoli dalla distruzione, ma conserva anche cere e grassi vegetali naturali.

La distillazione serve a rimuovere questi elementi, poiché ognuno ha punti di ebollizione diversi. Riscaldando e condensando con cura, è possibile separare questa vasta miscela di composti, mantenendo solo ciò che è necessario. E in questa fase possiamo anche isolare cannabinoidi specifici, come CBG, CBN e CBC, da utilizzare in prodotti dedicati.

Filtrazione

Il nostro estratto a spettro completo è praticamente pronto, ma per raffinarlo fino alla qualità dorata, si effettua un ciclo di filtrazione in condizioni sterili, lontano dal reparto di produzione. Il motivo della filtrazione è rimuovere tutti i microbi che potrebbero essere sopravvissuti alle fasi precedenti e dare all'estratto un livello di purezza che parla da solo.

Inoltre, durante la fase di filtrazione aggiungiamo l'estratto di CBD a spettro completo all'olio vettore scelto. Cibdol utilizza oli di oliva, di semi di canapa e di semi di cumino nero come vettori per il CBD, ognuno dei quali fornisce una gamma unica di benefici nutrizionali.

Imbottigliamento

Questa potrebbe non sembrare una fase importante, ma l’accurato imbottigliamento è fondamentale per mantenere l'integrità dell'olio di CBD Cibdol. Il rapporto tra olio vettore ed estratto di CBD deve corrispondere alla concentrazione dichiarata. Ad esempio, una goccia di olio di CBD al 10% deve contenere 4,6mg di CBD, mentre una formula al 20% deve contenere 9,2mg di CBD per goccia.

L'imbottigliamento comporta anche l'etichettatura dei prodotti con le corrette informazioni sul numero di lotto e la data di scadenza. È con queste fondamentali informazioni che i clienti possono verificare online i contenuti esatti del prodotto scelto, grazie alla fase finale della produzione — test e analisi.

Test e analisi

Tutte le fasi precedenti sarebbero inutili se non ci avvalessimo di un gruppo indipendente di esperti per verificare il nostro CBD. Utilizzando laboratori di test all'avanguardia, un'organizzazione indipendente esamina con attenzione il nostro estratto di CBD, verificandone la purezza, l'integrità e il contenuto di cannabinoidi. Per quanto riguarda quest'ultimo punto, non solo vengono verificati i livelli di CBD, ma anche i livelli di altri cannabinoidi, incluso il THC. I nostri clienti possono quindi stare tranquilli sapendo che i prodotti al CBD di Cibdol contengono solo tracce di THC (come consentito dalla legge).

La produzione di CBD non è un processo semplice (se eseguita secondo gli standard più elevati) ed è facile prendere scorciatoie per massimizzare i profitti. Pubblicando i risultati dei test direttamente sul sito Cibdol, offriamo ai clienti qualcosa che il denaro non può acquistare: la fiducia nei prodotti. Puoi vedere esattamente cosa c'è nel nostro estratto e cosa non c’è.

Il CBD più puro al mondo

Per fornire il CBD più puro, è necessario un controllo di qualità senza precedenti, strutture all'avanguardia e le migliori menti del settore. Cibdol ha tutto questo e può quindi garantire che ogni fase, dalla lavorazione della canapa grezza, all'estrazione, filtrazione, distillazione e imbottigliamento, venga eseguito internamente. Con stringenti misure di controllo della qualità implementate in ogni fase della produzione, i clienti possono avere completa fiducia nella trasparenza del nostro marchio e nella qualità dei nostri estratti.

Se vuoi provare tu stesso il CBD di migliore qualità, perché non dai un'occhiata al negozio Cibdol per sfogliare una selezione completa di oli, capsule, creme e integratori al CBD? Oppure, se desideri saperne di più sull'estrazione, la decarbossilazione o il test dei prodotti, troverai le risposte nella nostra ampia Enciclopedia CBD.

Di quale prodotto ho bisogno?
As Seen On: