Come Integrare In Cucina Olio Al CBD E Olio Di Semi Di Canapa

Il CBD è un cannabinoide estremamente versatile che può essere usato in molti modi. Nonostante questo, alcuni utilizzatori faticano a trovare un metodo di amministrazione che si adatti al loro stile di vita e alle loro preferenze. Forse perché trovano sgradevole il sapore dell'olio di CBD grezzo, o magari preferiscono avere qualcos'altro nello stomaco quando assumono la loro dose. Altri hanno problemi a ricordarsi di assumere l'olio nel corso della giornata.

In qualunque caso, gli utilizzatori possono integrare il CBD nelle loro abitudini in una maniera semplice, pratica, e naturale: aggiungendolo agli alimenti. Sia l'olio al CBD che l'olio di semi di canapa possono venir infusi in un'ampia varietà di pietanze, con risultati deliziosi ed efficaci.

La differenza fra olio al CBD e olio di semi di canapa

Prima di interessarci a come cucinare con olio al CBD e olio di semi di canapa, dovremmo prima esaminare ciascuna delle due formule: cosa sono, ed in cosa si distinguono.

Il termine “olio di semi di canapa” si riferisce ad un olio derivato dai semi della pianta di canapa. Dato che i semi di canapa non contengono cannabinoidi, l'olio di semi di canapa non contiene CBD, ma è ricco di importanti sostanze nutritive come gli acidi grassi omega-6 e omega-3, proteine e vitamina E. Ha un sapore forte, di noce.

L'olio al CBD è invece olio ricavato dai fiori della pianta di canapa. È ricco in cannabinoidi, compreso il suo eponimo multiuso: il CBD. Lo specifico profilo di cannabinoidi dell'olio al CBD dipende dalla pianta d'origine, dai metodi di produzione ed estrazione, ed altro ancora.

L'olio al CBD è tipicamente più costoso, dato che la sua produzione è più laboriosa; generalmente si tiene anche ad uno standard di produzione più elevato rispetto all'olio di semi di canapa. Quest'ultimo tende ad essere meno costoso, e nonostante sia altamente nutritivo, non gli si attribuisce solitamente alcun potenziale terapeutico. Coloro che desiderano integrare nella loro cucina tutti e due gli oli, quello di semi di canapa e quello al CBD, farebbero bene a procurarseli entrambi, o ad acquistare dell'olio di semi di canapa al CBD, che incorpora estratto di CBD in un vettore di olio di semi di canapa.

Diversi modi per incorporare l'olio al CBD e l'olio di semi di canapa in cucina

Olio al CBD e olio di semi di canapa possono entrambi venir aggiunti a delle ricette di cucina, in parecchi modi diversi. Ecco alcune opzioni:

1. Frullati

Aggiungere il CBD ai frullati è una maniera grandiosa di incorporare questo cannabinoide in una salutare routine quotidiana. I frullati tendono ad avere una consistenza ed un gusto pronunciati, che mascherano il CBD. Un altro vantaggio di quest'approccio è che non ci sarà nessuno spreco di CBD: una volta inserito nel frullatore, non può andare da nessuna parte. Il che è tanto economico quanto agevole per quegli utilizzatori che hanno necessità di dosare il loro CBD con precisione.

2. Come olio di cottura

Soffriggere con dell'olio al CBD non vi conviene assolutamente. Non soltanto perdereste gran parte del vostro olio nel fondo della padella, ma sprechereste il CBD contenuto nell'olio: molti dei suoi preziosi cannabinoidi andrebbero persi con il calore e l'evaporazione. Questo metodo dovrebbe venir usato solamente con l'olio di semi di canapa. Se volete integrare dell'olio al CBD in un alimento fritto, aspettate semplicemente che sia pronto e spruzzategliene sopra un po'.

Quando cucinate, con qualsiasi olio, è importante tenere presente il punto di fumo. Il punto di fumo di un olio è quello in cui i grassi sani che vi sono contenuti cominciano a scomporsi, ed iniziano a formarsi dei radicali liberi nocivi. Scaldare un olio al di là del suo punto di fumo è una maniera sicura per annullare qualsiasi beneficio apportato alla salute dal cucinare con quell'olio, quindi fate attenzione. Il punto di fumo dell'olio di semi di canapa si trova a 165°C/330°F.

3. Nelle insalate

Se vi state facendo un'insalata, perché non aggiungere al mix un pochino di CBD? Mettere il CBD nell'insalata è un'eccellente opzione, visto che aggira il problema dell'esposizione al calore. Assicuratevi soltanto di tenere da parte un pezzo di pane o una foglia di lattuga asciutta per ripescare ogni residuo di CBD che rimane nel piatto.

4. Nei prodotti da forno

Quando parliamo di CBD, cucinare al forno presenta sia vantaggi che inconvenienti. Un vantaggio è che non perderete nulla del prodotto: tutto il vostro CBD entra direttamente a far parte della vostra pietanza. Un altro vantaggio è che cuocere al forno vi permette di misurare con precisione la vostra dose: se avete una teglia di biscotto suddiviso in sedici parti uguali, e sapete esattamente quanto CBD è contenuto nell'impasto, potete calcolare con precisione quanto CBD è contenuto in ciascuna porzione.

L'inconveniente principale del cucinare al forno è il calore. Esponendo al calore il vostro CBD, rischiate di perdere un po' del vostro prodotto, specialmente se superate la temperatura di 170°C/338°F.

5 regole d'oro per cucinare con olio al CBD

Come abbiamo visto, quando ci cucina con olio al CBD bisogna tenere a mente alcune considerazioni cruciali. Ecco qui alcune regole d'oro per cucinare con olio al CBD e olio di semi di canapa:

1. Usate oli puri, da fonti di alta qualità.
2. Quando friggete sul fornello, usate olio di semi di canapa, ed aggiungete il CBD dopo che la preparazione è già sul piatto.
3. Il CBD è ottimo per insalate, frullati ed altri manicaretti freddi.
4. Non abbiate timore di cucinare al forno con il CBD, ma cercate di non oltrepassare la temperatura di 170°C/338°F o il vostro CBD comincerà a degradarsi.
5. Cominciate con dosaggi bassi, poiché può essere difficile calcolare esattamente quanto CBD stia entrando a far parte della vostra preparazione.

La regola più importante per cucinare con olio al CBD è comunque quella di sperimentare, e trovare ciò che va meglio per voi. Se non sapete da dove cominciare, potete consultare alcune delle ricette che offriamo qui da Cibdol. Qualunque sia il cammino culinario che sceglierete, vi auguriamo il meglio!

Di quale prodotto ho bisogno?