Si Può Assumere CBD Prima Di Guidare?

Pubblicato:

Si può assumere CBD prima di guidare?

Essendo associato alla cannabis, il CBD viene spesso trattato come il THC. Questa errata concezione si ripercuote sulla vita delle persone, in particolare sulla loro mobilità—i principali dubbi riguardano la capacità di guidare dopo aver assunto CBD. Il CBD sta ottenendo molta popolarità, ma molti ritengono che la sostanza possa alterare le percezioni dello spazio, della profondità e i riflessi—tutte abilità fondamentali quando si è alla guida.

È vero che il THC genera gli effetti sopracitati, ma l'olio di CBD non dovrebbe generarli—se è stato preparato adeguatamente. Per questo è importante conoscere gli ingredienti di un prodotto al CBD. Se l'unico cannabinoide presente è il CBD, il prodotto sarà legale (nella maggior parte dei Paesi) e le minime tracce di THC avranno un impatto irrilevante.

Perché il CBD è diverso dal THC

Il CBD è profondamente diverso dal THC. Non solo a livello molecolare, ma anche nel modo in cui esso interagisce con il sistema endocannabinoide (SEC). Il cannabidiolo esercita un'azione indiretta sul SEC. Stimola infatti l'efficienza dei recettori CB1 e CB2, favorendo la produzione di enzimi metabolici. Ad esempio, è stato dimostrato che il CBD inibisce gli enzimi che scompongono l'endocannabinoide anandamide (AEA), responsabile dell'umore. Il CBD supporta il miglioramento di tutte le funzionalità del SEC, pertanto offre potenziali effetti benefici in varie circostanze.

Il CBD non si lega direttamente ai recettori CB1, non influenza la memoria o la coordinazione motoria, né rallenta le reazioni come fa il THC. Secondo un altro pregiudizio, il CBD concilierebbe il sonno, e quindi indurrebbe sonnolenza—ma anche tale idea appare infondata.

Uno studio pubblicato da Frontiers in Pharmacology ha evidenziato che “il CBD non sembra interferire con il ciclo sonno-veglia di soggetti volontari sani”. Al contrario, la molecola può regolare il naturale ritmo circadiano del corpo umano. Il CBD può essere quindi integrato in uno stile di vita sano e assunto senza timore di effetti negativi, anche prima di guidare.

Ora, la domanda successiva è: che succede se l'olio di CBD a spettro completo contiene minime tracce di THC?

I prodotti contenenti CBD devono rispettare determinati standard legislativi. Le nazioni stabiliscono la quantità massima di THC che essi possono contenere. I parametri variano da Paese a Paese, ma in generale, i livelli di THC non devono essere superiori allo 0,2–0,3%. Se il CBD è stato estratto da canapa ad uso commerciale, tali parametri saranno facilmente rispettati.

Molte aziende (come Cibdol) pubblicano i risultati di test indipendenti per dimostrare che i loro oli al CBD rispettano le linee guida stabilite. In quantità minime, il THC esercita un impatto praticamente nullo sul SEC. Pertanto, l'olio può essere consumato durante la giornata—e anche mentre si guida!

Il CBD non è inebriante pertanto non dovrebbe interferire con le attività quotidiane

Il CBD è privo di effetti psicotropi ed inebrianti. La maggior parte delle persone può consumarlo senza timore di reazioni avverse sul tono dell'umore o sulla capacità di guidare. Tuttavia, anche se il CBD dimostra di possedere un eccellente profilo sul piano della sicurezza, ogni individuo è diverso, così come il suo sistema endocannabinoide.

Se state assumendo il CBD per la prima volta, vi consigliamo di iniziare con un dosaggio minimo, per valutare la reazione del vostro organismo. Dopo aver acquisito familiarità con gli effetti del CBD, potrete riprendere le normali attività alla guida della vostra auto.

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter.

Di quale prodotto ho bisogno?