Migliorare la Meditazione Usando il CBD

Pubblicato:

Al giorno d'oggi sembra che qualsiasi situazione possa potenzialmente rappresentare una fonte di stress. Che si tratti di lavoro, famiglia, di delicati equilibri finanziari o emotivi, la buona notizia è che non è più necessario preoccuparsi dello stress! Esistono infatti diversi modi per alleviare lo stress, schiarire la mente e ripristinare un equilibrio interiore.

Comprendere lo stress nell'era moderna

Nella preistoria, la nostra risposta allo stress era uno strumento fondamentale nella quotidiana lotta per la sopravvivenza. Oggi non siamo più sottoposti alla minaccia dei predatori, ma il nostro cervello continua a reagire allo stress seguendo gli stessi meccanismi. Anche se, con la parte razionale della nostra mente, sappiamo che una scadenza lavorativa è molto meno pericolosa di una tigre dai denti a sciabola, le aree cerebrali che controllano lo stress non percepiscono la differenza.

È sciocco pensare che lo stress debba essere completamente eliminato. Nel breve periodo, la risposta allo stress aiuta a mantenere la concentrazione, conservare le energie, e restare vigili—anche senza la presenza di una tigre, queste abilità sono sempre molto utili. Tuttavia, alcuni studi dimostrano che lo stress cronico provoca serie ripercussioni sulla nostra salute fisica e mentale. Ecco perché è essenziale gestire correttamente la risposta allo stress. Per mantenere il controllo e attutire gli effetti a lungo termine di uno stress persistente, dobbiamo trovare una strategia per insegnare alla nostra risposta allo stress che non tutti i problemi a lavoro, in famiglia o sociali richiedono lo stesso tipo di reazione.

Usare la meditazione come mezzo per condizionare la nostra risposta allo stress

A partire dal 5° secolo a.C., epoca in cui il buddismo si diffuse tra i popoli, le culture di tutto il mondo iniziarono a praticare la meditazione per riorganizzare i propri pensieri. Alcune persone ritengono che la meditazione serva a diventare una persona diversa. In realtà, la meditazione è semplicemente un metodo per allenare la mente, proprio come lo sport allena il fisico. Invece di stimolare i muscoli per aumentarne la resistenza o la forza, prepariamo la mente ad essere più consapevole dei pensieri che la attraversano, e a creare prospettive più sane e meno stressanti.

Il concetto di meditazione può essere riassunto in un unico termine—consapevolezza. La consapevolezza (mindfulness in inglese), è definita come "uno stato mentale che si può raggiungere concentrando la propria attenzione sul momento presente, riconoscendo e accettando le proprie emozioni, i propri pensieri e le sensazioni a livello fisico".

È sufficiente leggere questa definizione, per capire che la consapevolezza è l'esatto opposto della reazione cerebrale allo stress. La consapevolezza diventa quindi un potente strumento per gestire la nostra risposta allo stress e amministrare le situazioni stressanti. L'aspetto più interessante della meditazione e dello stato di consapevolezza è che può essere praticata da chiunque, ovunque e in qualsiasi momento. Ciò non significa che si può iniziare a meditare immediatamente—serve un po' di pratica.

Esistono varie forme di meditazione, ma l'obiettivo primario resta lo stesso. Concentrandoci su un singolo elemento (in genere il respiro, un mantra o la fiamma di una candela), possiamo imparare a controllare l'attenzione che rivolgiamo ai nostri pensieri, prendendo coscienza delle emozioni che possono spaventarci o turbarci. Accettando l'esistenza di questi pensieri (perché esistono, che lo si voglia o meno), possiamo allenare il nostro cervello a reagire ad essi con minore intensità.

Buddisti e spiritualisti non sono gli unici a credere nel potere della meditazione. In uno studio condotto dal Coventry University’s Brain, Belief and Behaviour Lab, gli scienziati hanno effettuato 18 diversi esperimenti sull'impatto delle pratiche meditative sul corpo umano. Durante i test sono stati utilizzati sistemi di mediazione e le finalità dei pazienti erano molto diverse. Tuttavia, i ricercatori hanno individuato uno schema ricorrente.

Negli individui che avevano praticato una forma di meditazione, i geni legati all'infiammazione risultavano sottoregolati. Ciò era dovuto alla limitata attività del fattore di trascrizione NF-κB, che regola la reazione del sistema immunitario in caso di infezioni e stimola la produzione di citochine pro-infiammatorie. Potete ottenere maggiori informazioni sull'azione dannosa delle citochine pro-infiammatorie cliccando qui.

CBD e meditazione: un legame sinergico

Quando si tratta di gestire lo stress, non esiste una soluzione adatta a qualunque circostanza. Spesso i risultati migliori si ottengono combinando varie strategie. La meditazione è supportata da studi scientifici e testimonianze dirette, ma per essere efficace richiede tempo e impegno. In più, certi tipi di stress sono talmente travolgenti che persino l'idea di sedersi per riordinare i pensieri sembra quasi impossibile al momento. In queste circostanze l'aggiunta di CBD può rivelarsi molto utile.

Gli effetti del CBD sullo stress sono stati ampiamente pubblicizzati. Secondo studi eseguiti su cavie animali ed umane, questo cannabinoide può influire positivamente sulla reazione a traumi passati. Interagendo con il sistema endocannabinoide e altre molecole, il CBD potrebbe allentare la tensione e permettere di praticare la meditazione con maggior tranquillità.
Separatamente, sia il CBD che la meditazione sembrano utili per contrastare lo stress. Insieme, i due elementi creano una potente soluzione per gestire lo stress e vivere una vita più sana e appagante.

Iscriviti alla nostra newsletter ed approfitta di uno sconto del 10% di sconto su un ordine

Di quale prodotto ho bisogno?