Che cosa è la famiglia ”V“ dei cannabinoidi?

Pubblicato:

Esploriamo più a fondo i cannabinoidi

Sede di oltre cento cannabinoidi diversi, la cannabis è ricca di un mix eterogeneo di composti chimici. Per creare questi composti, la pianta compie numerose reazioni chimiche. I cannabinoidi creati da queste reazioni differiscono a seconda del tipo di specie di cannabis, della fase del suo ciclo vitale, della sua esposizione al calore o della presenza di enzimi.

Hemp top

Uno di questi gruppi di cannabinoidi, tutti con la lettera ”V“, è il risultato di uno specifico cambiamento chimico che ha luogo nelle prime fasi dello sviluppo di una pianta di cannabis. Nel caso di CBCV, THCV e CBDV, sebbene alcune parti della loro struttura chimica siano molto simili ad altri cannabinoidi, troviamo che possiedono alcune particolarità interessanti.

Ecco a voi la famiglia cannabinoide ”V“

Permetteteci di esplorare quella reazione chimica particolare alla quale abbiamo fatto riferimento in precedenza. Nei primi stadi della vita di una pianta di cannabis, un composto chimico chiamato geranil pirofosfato ha la scelta di combinarsi con due diversi tipi di acido contenuti all'interno di una pianta di cannabis. Se si lega con l'acido olivetolico, si ottiene CBGA, mentre la combinazione con l'acido divarinico crea CBGVA. Entrambi sono cannabinoidi intermedi, ma il CBGVA è il nostro primo membro della famiglia cannabinoide ”V“.

Può essere fin troppo facile essere confusi da tutte le diverse famiglie o gruppi di cannabinoidi. Uno dei modi più semplici per visualizzare la sintesi dei cannabinoidi è immaginare CBGA e CBGVA come tipi di pasta. Mentre la pasta CBGA potrebbe essere usata per fare gli spaghetti, CBGVA è meglio per i rigatoni. Molti degli ingredienti base originali sono gli stessi, ma a seconda del modo in cui viene fatto l'impasto, del processo di cottura e di come viene poi modellato, il risultato varia.

Hemp cut

Un concetto simile si applica all'intero albero genealogico dei cannabinoidi. Quando si divide in numerosi percorsi e rami (a seconda della reazione chimica o della manipolazione in atto), si ottengono decine di potenziali risultati finali. Se si seguissero i percorsi dei cannabinoidi ”V“ man mano che una pianta cresce e si applicasse calore ai cannabinoidi grezzi, si otterrebbero i CBCV, THCV e CBDV menzionati in precedenza.

Dove puoi trovare la famiglia di cannabinoidi ”V“ e cosa fanno?

La maggior parte dei cannabinoidi della famiglia ”V“ è difficile da isolare. Sono il lato timido e riservato della grande famiglia dei cannabinoidi. Questo è vero a meno che non si riesca a trovare una pianta di cannabis “landrace”. Si tratta di ceppi geneticamente "puri" che non sono stati alterati da decenni di incroci selettivi e manipolazioni da parte dei coltivatori. Le varietà landrace hanno avuto invece la possibilità di crescere in modo naturale, ottenendo come risultato dei contenuti più alti di cannabinoidi ”V“ come CBDV.

Hemp plants

Per quanto riguarda le loro caratteristiche, beh, la ricerca sulla famiglia dei cannabinoidi ”V“ è ancora agli inizi. Tuttavia, ciò che sappiamo è che non sono psicoattivi e che interagiscono con diversi recettori cannabinoidi, come fa anche il CBD. Il THCV non è psicoattivo e ha dimostrato la capacità di sopprimere l'appetito, mentre il CBDV ha mostrato potenziale nel trattamento di epilessia e altre condizioni convulsive. Per il momento dobbiamo avere fiducia nelle ricerche in corso per scoprire il vero potenziale dei cannabinoidi ”V“.

Iscriviti alla nostra newsletter ed approfitta di uno sconto del 10% di sconto su un ordine

Di quale prodotto ho bisogno?