Effetto Entourage: Come CBD e Terpeni Agiscono Insieme

Pubblicato:

La canapa è una delle piante più multifunzionali della terra. Oltre ad essere vigorosa, strutturalmente sana e molto vantaggiosa dal punto di vista commerciale, la canapa contiene anche un fitocomplesso composto da numerosi cannabinoidi, ognuno dei quali può avere uno specifico effetto sul consumatore.

Hemp

Sebbene i cannabinoidi più abbondanti vengano studiati separatamente nella loro forma isolata, i ricercatori hanno scoperto che i benefici del CBD sono strettamente collegati e sostenuti dagli altri cannabinoidi e dai terpeni. Questa teoria è conosciuta come effetto entourage, dove i cannabinoidi agiscono insieme per generare effetti molto più forti e benefici rispetto a quanto non riescano a fare separatamente nella loro forma isolata. Secondo uno studio pubblicato nel 2011 da Ethan B. Russo sulla rivista British Journal of Pharmacology, esiste un particolare processo capace di attenuare gli effetti dei cannabinoidi psicoattivi.

2+2=5?

L'effetto entourage si basa sul concetto di sinergia vegetale. Nel caso della canapa, ogni singolo composto agisce con maggiore efficacia quando viene affiancato dalle altre molecole contenute nella pianta, da cui trae vantaggi e genera effetti più equilibrati e benefici di quanto non riesca a fare nella sua forma isolata. Questo è ancora più evidente quando osserviamo il rapporto mutualistico tra cannabinoidi psicoattivi e CBD.

Come influisce il cbd sulla psicoattività del thc?

Il CBD ha dimostrato di attenuare notevolmente gli effetti collaterali dei cannabinoidi psicoattivi. In contrasto con le sensazioni di ansia e paranoia spesso generate dagli effetti del THC, il CBD tende a provocare effetti leggermente sedativi che aiutano a ridurre questi sintomi negativi. La canapa offre una maggiore efficacia quando viene usata sotto forma di "medicina vegetale integrale". Secondo questo principio, i cannabinoidi isolati come quelli contenuti in alcuni farmaci da prescrizione, come il Marinol, sono meno efficaci rispetto all'intero fitocomplesso contenuto in altri integratori alimentari contenenti tutti i composti della pianta.

In questi ultimi anni, alcuni produttori di estratti di CBD stanno usando cristalli di CBD al 99%, con il fine di promuovere le concentrazioni estremamente elevate dei loro prodotti. Tuttavia, altre aziende preferiscono adottare un approccio più bilanciato, estraendo il maggior numero di terpeni e cannabinoidi contenuti nella pianta di canapa attraverso processi d'estrazione con CO₂.

Terpeni: biomolecole sorprendentemente benefiche

Esattamente come i cannabinoidi, anche i terpeni svolgono un ruolo molto importante nell'efficacia degli integratori alimentari con CBD. Con oltre 200 diverse varietà presenti in natura all'interno della Cannabis sativa, queste molecole sono essenziali sia per la crescita delle piante che per le proprietà terapeutiche che offrono.

Secreti nei tricomi dei fiori di canapa, i terpeni non sono prodotti solo dalle piante di canapa. In natura si possono trovare anche sotto forma di oli essenziali in molte altre specie vegetali. Luppolo, agrumi e conifere contengono concentrazioni variabili di queste molecole. Sul nostro pianeta troviamo più di 20.000 terpeni, tra cui quelli responsabili dei profumi più comuni che percepiamo nella vita di tutti i giorni.

I terpeni sono noti per i pungenti aromi che sprigionano, da quelli con fragranze di pino a quelli con sentori di chiodi di garofano. Tuttavia, svolgono un ruolo importante anche durante la crescita delle piante. Infatti, i terpeni proteggono in modo naturale le piante di canapa mantenendo lontani i parassiti e le malattie ed attirando gli insetti impollinatori benefici. In quanto tali, i terpeni vengono estratti ed usati come efficaci pesticidi naturali nella lotta biologica.

Più terpeni per un maggiore raggio d'azione

Quando assunti in combinazione con i cannabinoidi, uno spettro completo di terpeni può influenzare fortemente l'efficacia di una terapia vegetale. Alcuni studi hanno confermato che il terpene più abbondante nella canapa è il "mircene", contenuto in alte concentrazioni anche nel mango. È per questo che ingerendo un mango quarantacinque minuti prima di consumare cannabinoidi psicoattivi gli effetti psicotropi della Cannabis si avvertono con maggiore rapidità ed impeto. Questo è dovuto al ruolo che svolge il mircene nel razionalizzare l'assorbimento dei cannabinoidi attraverso la barriera emato-encefalica.

Ogni terpene nasce con un insieme unico di caratteristiche ed aromi, producendo determinati e specifici effetti. Grazie al crescente interesse da parte della comunità scientifica e medica, riusciremo presto a scoprire il funzionamento di queste piccole molecole prodotte dalle piante di Cannabis sativa e la loro interazione con i cannabinoidi, per una loro possibile applicazione terapeutica più mirata ed efficace.

NOTIZIA COLLEGATA:

Il sistema endocannabinoide

Gli essere umani ed i cannabinoidi hanno un rapporto molto più stretto di quanto potessimo immaginare. Il sistema endocannabinoide presente in tutti i mammiferi è spesso definito come il sistema cannabinoide intrinseco al nostro proprio corpo. Diversi studi hanno dimostrato che questo sistema è composto da un gruppo di recettori di cannabinoidi (principalmente CB1 e CB2) distribuiti nel cervello e nel sistema immunitario, in grado di legarsi ai cannabinoidi.

Cel

Questa particolare relazione induce effetti diversi a seconda delle proprietà psicoattive o terapeutiche del composto e della presenza di altre molecole. Il sistema endocannabinoide partecipa alla regolazione dell'umore, della memoria e del dolore e può essere alterato dalla presenza di cannabinoidi, terpeni ed altri composti.

Secondo alcuni esami preliminari, il CBD ha la capacità di ridurre le infiammazioni in soggetti non umani. Inoltre, secondo numerose testimonianze, le varietà ad alto contenuto di CBD offrono proprietà benefiche nelle terapie per trattare diversi problemi di salute, come l'epilessia (specialmente nei bambini). Ulteriori ricerche hanno dimostrato che il CBD offre anche importanti proprietà analgesiche, ancora più efficaci quando affiancato dai terpeni, come il linalolo. Quando si legano ai loro specifici recettori, i cannabinoidi stimolano diversi effetti terapeutici a seconda della varietà di Cannabis assunta.

L'effetto entourage dell'olio di cbd

Gli oli di CBD presenti oggi sul mercato variano notevolmente per qualità ed efficacia. I produttori più rinomati nel settore del CBD si sforzano per offrire solo prodotti di qualità, offrendo l'intero spettro dei composti della Cannabis, superando di gran lunga gli oli di scarsa qualità offerti dalle aziende meno serie e professionali.

Esiste un'enorme differenza tra gli effetti indotti da un integratore alimentare contenente CBD, terpeni e tutti gli altri cannabinoidi rispetto ad un prodotto fabbricato esclusivamente con CBD isolato. Sebbene gli oli di CBD più economici riflettano anche gli scarsi effetti che offrono, sempre più clienti sono disposti a pagare integratori alimentari di qualità per ottenere i migliori benefici per la propria salute.

Hempplant

I produttori di integratori estratti dalla canapa stanno recuperando il tempo perduto dopo tanti decenni di demonizzazione di una pianta associata, per troppi anni, esclusivamente agli effetti psicoattivi delle varietà di Cannabis sativa ricche in THC. Oggi, le persone hanno ormai compreso la sicurezza dei prodotti con CBD e sono sempre più disposte a sfruttare i suoi benefici per la propria salute e dieta. Guardando verso il futuro, l'effetto entourage riuscirà a dimostrare una volta per tutte l'importanza della canapa e delle sue incoraggianti proprietà terapeutiche.

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter.

Ricerca Prodotti