Cannabis Medica E La MICI: Cosa Dice La Ricerca?

Pubblicato:

Vivere con la MICI

Avendo un impatto significativo sulla vita dei pazienti, chi convive con la malattia infiammatoria cronica intestinale (MICI) lo fa con la consapevolezza che non esiste una cura—o almeno non ancora. Divisa in due tipi di malattie, il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, entrambe possono provocare un disagio intenso, diarrea, stanchezza e perdita di peso indesiderata. Oggi, si conta che queste malattie interessino milioni di persone in tutto il mondo, con diagnosi in aumento anche nei paesi sviluppati.

CBD and IBD

L'impatto della MICI non è solamente fisico. I malati si sentono mentalmente isolati e soli perché i sintomi impediscono a molti di socializzare liberamente e di svolgere le attività quotidiane. Sfortunatamente, uno dei dati demografici più colpiti sono gli adolescenti ed i bambini. Circa un quarto di tutti i pazienti a cui è stata diagnosticata la MICI hanno meno di vent'anni. 

Data la mancanza di una cura per questa malattia, quando si tratta della MICI l'attenzione va alla riduzione della frequenza e gravità dei sintomi. Questo, è stato raggiunto con diversi gradi di successo. Non tutti gli operatori sanitari hanno le prove e le ricerche necessarie per fornire un consiglio sui trattamenti olistici laddove i farmaci tradizionali falliscono.

Il sistema endocannabinoide e la MICI

Un'area di studio che sta mostrando promesse particolari è l'utilizzo della cannabis medica nella cura della MICI. Attualmente, le cure utilizzano farmaci progettati per rallentare o ridurre la reazione del sistema immunitario. Anche se questi funzionano, non lo fanno senza effetti collaterali significativi. A differenza, gli effetti collaterali associati alla cannabis medica vengono tollerati generalmente bene e sono meno gravi di quelli causati dai medicinali farmaceutici.

Il legame tra la malattia di Crohn, la colite ulcerosa e la cannabis medica è sofisticato. Rapporti aneddotici hanno sostenuto a lungo il concetto della cannabis che allevia i sintomi della MICI. Tuttavia, nel momento in cui vennero a galla diversi studi di casi la nostra comprensione dei meccanismi era carente. Dovevamo ancora comprendere la complessità del sistema endocannabinoide.

Da allora, hanno avuto luogo svariati studi che utilizzavano cavie di ratti per comprendere la relazione tra il nostro SEC e la MICI. La colite ulcerosa provoca un'infiammazione acuta nel colon. Il Journal of Clinical Investigation ha scoperto che il nostro "sistema cannabinoide endogeno protegge il colon dall’infiammazione". Gli autori, hanno concluso constatando che il SEC era intrinsecamente legato ai processi biologici che si presentano quando si verifica un'infiammazione nel colon. Modulando una risposta nel sistema endocannabinoide è stata ridotta l'irritazione muscolare dell’infiammazione.

CBD and IBD

Un altro studio ha anche sostenuto il concetto che il nostro SEC svolge un ruolo nelle funzioni gastrointestinali. I risultati hanno scoperto che l'endocannabinoide anandamide (AEA) potrebbe essere utilizzato per proteggere l'intestino dall'infiammazione. I ricercatori hanno ammesso che "sebbene i risultati fossero promettenti, sono necessari ulteriori studi per determinare il ruolo dei percorsi cannabinoidi nell'infiammazione intestinale".

La cannabis per le malattie infiammatorie croniche intestinali

Con il supporto delle prove aneddotiche in crescita ed i risultati preliminari di studi basati sui ratti, i ricercatori hanno avuto l’incentivo e le basi teoriche per esplorare l'impatto della cannabis medicinale sulle MICI nella fisiologia umana.

L'Istituto di Gastroenterologia ed Epatologia presso il Meir Medical Center in Israele ha completato una revisione degli studi sulla MICI e sulla cannabis medica per identificare qualsiasi correlazione tra i risultati. Israele è in prima linea nella ricerca sulla cannabis medica, grazie ad alcune delle più grandi menti scientifiche del mondo cercano di sbloccare il potenziale dei cannabinoidi e del nostro sistema endocannabinoide. 

L’analisi comprendeva tre studi separati. Il primo fu uno studio osservazionale che utilizzava 30 pazienti a cui fu diagnosticato il morbo di Crohn. Scoprirono che la cannabis mostrava "miglioramenti nell'attività della malattia" ed "una riduzione nell'utilizzo di altri farmaci". 

Il secondo studio mostrò che 10 pazienti su 11, sotto la cura di cannabis, ebbero una diminuzione dell'attività del morbo di Crohn. Nel gruppo controllato con i placebo, solo 4 pazienti su 10 hanno visto una riduzione simile. I risultati mostrarono che anche 5 pazienti su 11, nel gruppo sotto la cura di cannabis, andarono in completa remissione.

L’ultimo studio fu utilizzato come riferimento ed esplicitamente focalizzato sull'efficacia del cannabinoide CBD. Sebbene i risultati non furono altrettanto favorevoli rispetto alla cannabis medica, l'importanza del CBD non è completamente persa. 

CBD and IBD

CBD e MICI

Il CBD viene considerato un trattamento terapeutico per via della sua tossicità incredibilmente bassa. È stato scoperto che fino a 500mg non causa effetti collaterali dannosi. Ad ognuno dei 20 partecipanti a cui fu diagnosticato il morbo di Crohn fu dato CBD e olio d'oliva o semplicemente olio d'oliva. Ad entrambi i gruppi fu chiesto di assumere 5mg, due volte al giorno, per otto settimane. Dopo la prova di otto settimane il CBD risultò sicuro, ma inefficace nel ridurre i sintomi del morbo di Crohn.

Questo vuol dire che dovremmo eliminare il CBD completamente? Non esattamente. Il dosaggio utilizzato in questa particolare prova è incredibilmente basso, soprattutto rispetto al limite di 500mg. Quello che suggerisce questa ricerca è che il dosaggio è un fattore importante quando si analizza la relazione tra i cannabinoidi e le condizioni della MICI. Anche i ricercatori del Meir Medical Center hanno riconosciuto questo fatto importante. Hanno concluso affermando che sono necessari ulteriori studi per istituire i cannabinoidi specifici e la dose ottimale "per massimizzare gli effetti benefici".

Più o meno nello stesso modo in cui non sappiamo quale sia la causa dello sviluppo delle malattie della MICI, non conosciamo l'intero potenziale dei cannabinoidi, il nostro SEC e come può aiutare a curare la MICI. La sfida consiste nel mettere insieme ciò che è stato confermato isolando ogni variabile fino a quando non si raggiunge una conclusione definitiva.

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter.

Di quale prodotto ho bisogno?