In Che Modo il CBD Può Aiutare a Combattere l'Acne?

Pubblicato:

Molto probabilmente avrete già sentito parlare del CBD. Questo cannabinoide ha ricevuto molta attenzione nell'ambito delle applicazioni mediche, della salute e del benessere. Ma fino a pochi anni fa la situazione era completamente diversa. Non generando effetti psicoattivi, il CBD è stato spesso ignorato e trascurato dai consumatori a scopo ricreativo. Oggi, però, grazie alla maggiore diffusione della cannabis terapeutica, questa molecola sta finalmente ricevendo l'attenzione che merita. Il CBD, insieme a molti altri cannabinoidi, produce effetti fisiologici sull'organismo interagendo con il sistema endocannabinoide.

COME AGISCE IL CBD

Come probabilmente potrete intuire dal nome, il sistema endocannabinoide è strettamente legato alla cannabis. Questo sistema è composto da una serie di recettori, presenti sulle membrane di vari tipi di cellule sparse in tutto il corpo umano. Finora, sono stati individuati due principali siti recettoriali, chiamati recettori CB1 e CB2.

I cannabinoidi come il CBD agiscono su questi recettori a vari livelli. Essi risultano efficaci poiché la loro struttura è molto simile ai cannabinoidi endogeni prodotti dall'organismo. Il CBD ha un'affinità limitata con i recettori dei cannabinoidi. Tuttavia, esso condiziona il sistema endocannabinoide in modo indiretto. La molecola si lega ad altri siti all'interno del corpo, come il 5-HT1A e i recettori vanilloidi.

Il CBD è famoso per le sue proprietà anti-infiammatorie, neuroprotettive, e antiepilettiche. Grazie alla capacità di contrastare l'infiammazione, il CBD è utile anche per alleviare i sintomi di alcuni disturbi cutanei, come l'acne.

Per quanto riguarda l'epidermide, il sistema endocannabinoide è responsabile della proliferazione, della crescita e della differenziazione di vari tipi di cellule. Questo sistema regola anche l'apoptosi (la morte cellulare programmata) e la produzione di ormoni.

Si ritiene che uno squilibrio all'interno del sistema endocannabinoide possa costituire la causa primaria di molti disturbi cutanei, come psoriasi, dermatite e acne. I recettori CB2 del sistema endocannabinoide potrebbero rappresentare un potenziale target nel trattamento dell'acne. Bersagliando questi recettori con il CBD, sarebbe possibile bloccare la produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee, uno dei fattori chiave responsabili della patologia.

CBD E ACNE

Un articolo del 2010 riguardo l'uso di CBD nel trattamento dell'acne, riferisce che aggiungendo endocannabinoidi nelle linee cellulari umane si può stimolare la produzione di lipidi. I lipidi, o grassi, contribuiscono ad ostruire i pori della pelle. Gli endocannabinoidi indirizzati verso i recettori CB2 amplificano la produzione di lipidi. Invece, quando il CBD è applicato alle linee cellulari, la formazione di lipidi viene interrotta.

Tali effetti non vengono quindi ottenuti colpendo i recettori cannabinoidi, ma agendo sui canali ionici tra sebociti (cellule produttrici di sebo). Gli autori della ricerca hanno concluso che il noto effetto anti-infiammatorio del CBD potrebbe contribuire al trattamento dell'acne. Questo disturbo cutaneo, infatti, provoca spesso brufoli e irritazione. Il CBD sembra anche in grado di penetrare nella pelle con molta facilità. Per questo rappresenta un potenziale trattamento topico.

COS'È L'ACNE?

L'acne vulgaris è un disturbo cutaneo molto comune, causato dall'accumulo di sebo nei pori della pelle. Questa condizione può colpire qualunque individuo. Tuttavia, è più frequente negli adolescenti durante la pubertà, per via dei profondi cambiamenti ormonali. L'80% degli adulti con acne è di sesso femminile. I fattori di rischio per lo sviluppo di questa condizione aumentano notevolmente se nella famiglia sono presenti altri membri affetti da acne.

L'acne può svilupparsi in qualsiasi parte del corpo. Le zone più colpite sono generalmente il viso, la schiena, il collo e le spalle. Chi soffre di questo disturbo può notare imperfezioni di vario genere sulla propria pelle. I più comuni sono brufoli e punti neri. Ad ogni modo, possono svilupparsi altre lesioni a seguito di infiammazione cutanea prolungata, come papule, pustole, noduli e cisti.

I brufoli si sviluppano da un'occlusione dei pori della pelle, causata da accumulo di cellule morte, sporcizia e batteri. Il principale responsabile dell'acne è una produzione eccessiva di sebo. Il sebo viene emesso dalle ghiandole sebacee, presenti nei follicoli piliferi. Questa sostanza è importante per mantenere la pelle lubrificata. Tuttavia, un eccesso di untuosità può provocare la diffusione esponenziale di batteri ed un accumulo di cellule morte nei pori.

Esistono vari fattori che possono scatenare l'acne, come variazioni ormonali, utilizzo di farmaci tra cui la pillola anticoncezionale, e un consumo eccessivo di carboidrati raffinati. Per tenere sotto controllo l'acne è possibile applicare alcune misure preventive, come fare la doccia dopo l'attività fisica, seguire una dieta sana, ridurre lo stress e detergere il viso due volte al giorno.

I trattamenti standard per l'acne includono farmaci antibiotici, per uccidere i batteri presenti all'interno dei pori. Il CBD si è dimostrato molto efficace nel trattamento dei disturbi cutanei. Ben presto potrebbe entrare a far parte della lista delle soluzioni standard contro l'acne.

INFORMAZIONI SU ACZEDOL DELLA CIBDOL

Aczedol è un dispositivo medico di classe 1. La sua formulazione specifica è in grado di alleviare le sensazioni di bruciore e prurito comunemente associate all'acne vulgaris. L'ingrediente principale è la farina d'avena colloidale, che dona conforto formando una barriera protettiva sulla pelle irritata. La farina d'avena colloidale offre anche una lieve azione detergente sulla cute. L'avena infatti contiene saponine, sostanze che contribuiscono ad eliminare grasso e olio. Inoltre, aiuta a ridurre il numero di batteri, alleviando rossore ed infiammazione.

L'estratto di Cannabis sativa ricca di CBD potenzia l'effetto lenitivo della crema Aczedol. La sua speciale formula protegge la pelle fragile e sensibile colpita dall'acne, permettendo all'azione rigenerante e antibatterica del CBD di penetrare in profondità nella cute, dove è più necessario.


Cibdol