Il CBD Potrebbe Aiutare Contro La Malattia Di Lyme?

Pubblicato:

Il CBD è attualmente un oggetto di grande interesse per gli scienziati. La canapa e la cannabis sono state ampiamente messe fuori legge nell'ultimo secolo, impedendo alla medicina moderna una reale investigazione delle loro potenzialità. Ora che le leggi stanno cambiando, la scienza è in grande agitazione per recuperare il tempo perduto. Una nuova potenziale applicazione sta venendo in aiuto nella guarigione dei pazienti affetti dalla malattia di Lyme; diamo uno sguardo più da vicino.

COS'È LA MALATTIA DI LYME

Per cominciare, vediamo in cosa consiste questa malattia. La malattia di Lyme è un'infezione trasmessa dalle zecche negli USA e in Europa. In Europa, le zecche trasmettono i batteri Borrelia afzelli e Borrelia garinii, che provocano la malattia in questione. Non è una malattia contagiosa, ma le persone sono a rischio quando camminano attraverso foreste ed erba alta, specialmente se indossando pantaloni corti.

Il fatto è che la malattia di Lyme si cura facilmente, se presa in tempo. Così, se sapete di essere stati morsi da una zecca nel corso dell'ultimo mese, la cosa più semplice da fare è sottoporsi a un test e quindi ad una cura antibiotica, se necessario. Ma il problema è che non è sempre ovvio sapere quando si è stati morsi; molte persone non se ne rendono conto, e pensano che i sintomi che stanno sviluppando siano dovuti a qualcos'altro. Il maggior segno rivelatore di un inizio della malattia di Lyme è un eritema cutaneo detto “ad occhio di bue” intorno al punto in cui si è stati morsi.

Se non trattata per più di qualche settimana, la malattia di Lyme può provocare, nella persona infettata, problemi cardiaci, paralisi facciale, meningite, stato confusionale, neuropatia periferica, gonfiore e dolore alle articolazioni; può anche portare ad un'artrite permanente.

IN CHE MODO IL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE POTREBBE ENTRARE IN GIOCO

Una teoria riguardante questo problema è che il sistema endocannabinoide potrebbe avere un ruolo da svolgere. Una volta subito il morso, alcune persone guariscono per conto loro senza alcun trattamento; si pensa che costoro non abbiano problemi soggiacenti con il proprio sistema immunitario, in cui il sistema endocannabinoide svolge un ruolo di primo piano.

L'IMPIEGO DEL CBD PER LA MALATTIA DI LYME

Il CBD è considerato in teoria come un utile supplemento per coloro che soffrono di questa malattia, in diversi modi; in tutti i casi, come una maniera di affrontarla.

In primo luogo, il CBD è noto per le sue proprietà antibatteriche, e potrebbe così risultare efficace nel combatterla. Secondo, e più incoraggiante punto, il CBD è noto per la sua capacità di venire in aiuto nella riduzione del dolore associato alla neuropatia periferica. Infine, il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide, e potrebbe avere la capacità di riportarlo in equilibrio nel caso di una deficienza – ed in cambio, potenziare il sistema immunitario.

ANTIBATTERICO

Purtroppo, non c'è molta ricerca clinica al riguardo, e tutto ciò deve essere preso come un'ipotesi, con un pizzico di scetticismo. Comunque, è un qualcosa su cui si spera di indagare molto più a fondo, ed il tempo dirà se il potenziale c'è davvero!


Cibdol