Perché i Cannabinoidi Sintetici sono Pericolosi

Pubblicato:

Il consumo di cannabinoidi sintetici è una crescente, e allo stesso tempo preoccupante, tendenza. Si tratta di droghe artificiali che cercano di imitare gli effetti psicoattivi della marijuana e, quindi, del THC. Tuttavia, le loro proprietà non hanno nulla a che vedere con quelle dei veri cannabinoidi presenti nella Cannabis. Alcuni studi hanno rivelato che queste sostanze sono estremamente pericolose, e possono portare alla morte, a gravi danni degli organi interni e a convulsioni direttamente legate alla loro assunzione. Per aiutare tutti quanti a comprenderne la pericolosità, abbiamo deciso di riportare una panoramica generale su queste piccole, ma nocive, droghe.

DANNI AGLI ORGANI INTERNI


CHE COSA SONO I CANNABINOIDI SINTETICI?

Definiti anche come <i>agnostici sintetici dei recettori dei cannabinoidi</i>, queste droghe sintetizzate in laboratorio sono tutte elaborate con prodotti chimici industriali. Si tratta di sostanze capaci di agire come veri e propri cannabinoidi, stimolando gli stessi recettori, ma la loro assunzione danneggia gravemente e pericolosamente il nostro organismo. Inizialmente, il loro scopo era quello di mostrare agli scienziati come manipolare e controllare i recettori dei cannabinoidi, determinando la loro azione sulle cellule del corpo umano. Tuttavia, questi tipi di sperimentazione erano stati finora effettuati solo su campioni di cellule, ma mai su esseri umani viventi.

Fu così che alcuni chimici senza scrupolo trovarono una lacuna nelle leggi sulle sostanze psicoattive, approfittandone per invadere il mercato delle droghe sintetiche, sia legale che illegale. Il loro obiettivo era, ed è, quello di occupare un posto di nicchia nel commercio di droghe legali e droghe a base di erbe psicoattive. Fortunatamente, quasi tutti i Paesi stanno procedendo alla loro messa al bando. Tuttavia, una piccola variazione nelle molecole della sostanza chimica usata dal produttore consente di ottenere, tecnicamente, una sostanza completamente nuova e, quindi, legale, grazie proprio a questa lacuna legislativa.

PERCHÈ I CANNABINOIDI SINTETICI SONO PERICOLOSI

I cannabinoidi sintetici si differenziano da quelli naturali non solo per composizione chimica, ma anche per la loro azione sul nostro sistema endocannabinoide, completamente diversa. I veri cannabinoidi, come il CBD e il THC, sono anche conosciuti come agnostici parziali, nel senso che si legano ai recettori del nostro organismo agendo con un'efficienza solo parziale. I cannabinoidi sintetici, invece, sono stati elaborati per agire come agnostici pieni, in grado di legarsi con tutto il loro pieno vigore. Se consideriamo inoltre che i cannabinoidi sintetici sono stati disegnati per essere fino a 100 volte più potenti dei cannabinoidi naturali, allora possiamo comprendere meglio la gravità della situazione.

E per complicare ulteriormente le cose, il nostro organismo non è capace di disfarsi dei cannabinoidi sintetici in modo efficiente. I cannabinoidi naturali vengono assimilati, processati e disattivati nel giro di poche ore, mentre quelli sintetici no, rimanendo in circolo all'interno del corpo.

Queste sostanze chimiche sono spruzzate sulle più diverse specie vegetali, in modo da simulare un prodotto naturale essiccato, come la Cannabis. Inoltre, è alquanto interessante sapere che, a differenza della Cannabis, i cannabinoidi sintetici creano una forte dipendenza.

Non è assolutamente vero che per vivere esperienze indimenticabili bisogna assumere sostanze incredibilmente forti. Quando si parla di tossicità di una sostanza stupefacente, tutto si riduce alla dose che se ne consuma. Tutto, anche l'acqua, può diventare tossico a dosi troppo elevate. La Cannabis ed i cannabinoidi naturali sono letali a dosaggi follemente alti. Una persona dovrebbe consumare circa mezza tonnellata di Cannabis in 15 minuti per rischiare la morte. Lo stesso non si può dire dei cannabinoidi sintetici, letali anche a bassi dosaggi. Inoltre, l'entità dei danni provocati all'organismo non è ancora del tutto chiara. Quello che si sa è che possono causare insufficienza renale e danni cerebrali.


PER COLORO CHE CERCANO BENEFICI TERAPEUTICI

Quando si tratta di cannabinoidi, molte persone ne fanno un uso terapeutico. Per chi non vuole infrangere la legge, i cannabinoidi sintetici "legali" possono sembrare una buona alternativa. Purtroppo, queste sostanze non offrono alcun beneficio terapeutico, causando solo gravi danni agli organi interni. L'olio di CBD, ad esempio, è una scelta molto più sana, ed altrettanto legale.

Sembra quasi una parodia di cattivo gusto la situazione in cui ci troviamo, dove le sostanze chimiche possono essere acquistate legalmente e le persone (soprattutto i giovani) sono costantemente ingannate con droghe apparentemente sicure. Si tratta invece di una pericolosa menzogna. Se stavate pensando di provare i cannabinoidi sintetici, lasciate stare. È una strada tortuosa che vi porterà solo a toccare il fondo.


Cibdol