Esiste la Possibilità di Trattare l'Epilessia con il CBD?

Pubblicato:


L'uso di cannabinoidi per scopi medici ha sempre sollevato accese discussioni. Tuttavia, per quanto non sia stato ancora riconosciuto ufficialmente dalle comunità mediche, esistono sempre più prove che ne confermerebbero il potenziale. Quando si tratta di CBD, il cannabinoide non psicoattivo contenuto all'interno di Cannabis e canapa, l'efficacia terapeutica sembrerebbe reale. Sono stati realizzati numerosi studi scientifici sul CBD, e con ragioni più che fondate. È stato infatti dimostrato in diverse occasioni, sia aneddoticamente che clinicamente, che esistono effetti positivi su una vasta gamma di condizioni di salute. Uno dei campi medici dove il CBD sta dimostrando di avere i migliori risultati sono i casi correlati all'epilessia, nella sua forma più grave.

È importante ricordare che il CBD non è ancora considerato una vera e propria medicina. Per quanto i risultati siano più che promettenti, non sono ancora conclusivi. Vi invitiamo, quindi, a consultare un medico in caso di dubbi.

STUDI CLINICI, CBD E EPILESSIA

L'epilessia è un serio problema di salute che può essere devastante per la qualità di vita di una persona. Coloro che soffrono le forme più gravi possono rimanerne sopraffatti in pochi istanti. Per indagare le potenziali proprietà dei cannabinoidi legate a questa malattia, un gruppo di scienziati israeliani ha deciso di condurre un esperimento clinico. Nella loro ricerca, pubblicata sulla rivista Seizure, vennero seguiti per 3 mesi 74 adolescenti affetti da una forma di epilessia grave. Ad ogni partecipante fu somministrato un estratto standardizzato di CBD, da prendere regolarmente (con un rapporto CBD:THC di 20:1). Dopo l'assunzione di CBD, si osservò un netto miglioramento nella frequenza delle crisi epilettiche nell'89% dei partecipanti, oltre a ristabilire sonno, capacità motorie, abilità comunicative e attenzione.

Questo studio arrivò alla conclusione che: "i risultati di questa ricerca multicentrica sul trattamento di forme di epilessia intrattabili con CBD, su bambini e adolescenti, sono molto promettenti. Siamo certi che verranno attivati altrettanti studi clinici prospettici sull'uso di Cannabis terapeutica ricca in CBD".

I risultati sono sicuramente incoraggianti, ma c'è ancora molto lavoro da fare. Si tratta di uno dei primi studi clinici sugli effetti del CBD su persone che, ancora oggi, fanno uso di questo cannabinoide. Ciò dovrebbe darci un'idea delle sue importanti proprietà.

UN CASO SPECIFICO: CHARLOTTE FIGI

Un caso che ha attirato l'attenzione del mondo intero sulle potenziali proprietà terapeutiche del CBD: la storia di Charlotte Figi. Per quanto sia difficile convivere con una forma grave di epilessia, vedere un bambino affetto da questa patologia risulta ancora più straziante. Charlotte era una bambina di 3 anni affetta da 600 crisi epilettiche al giorno. Non era capace di svolgere alcuna attività e le cose stavano progressivamente peggiorando. Tutti i suoi parenti si sentivano impotenti e disperati nel non riuscire, terapia dopo terapia, ad ottenere alcun miglioramento. Presi dallo sconforto, decisero di prendere in mano la situazione e di provare il CBD. Gli effetti furono immediati e Charlotte in pochi giorni ridusse drasticamente le sue crisi epilettiche, riuscendo a vivere e svolgere una vita normale, come quella di qualsiasi altro bambino della sua età. Si tratta di una storia che ha commosso il mondo intero, separando l'opinione pubblica sulla legalizzazione della Cannabis. Il suo caso ha anche aiutato a portare il potenziale del CBD all'attenzione del mondo scientifico che, da allora, sembra molto più interessato ad avviare ricerche in questo ambito. Se volete conoscere tutta la storia di questa bambina, vi consigliamo vivamente di guardare il video qui di seguito.

VIDEO


Cibdol